Home » Blog » Tecnologie per la disabilità » App per anziani e disabili: Vodafone e la disabilità

App per anziani e disabili: Vodafone e la disabilità

app anziani e disabili VodafoneVodafone propone due nuove Applicazioni per anziani, disabili, stranieri e per chi in generale ha difficoltà ad utilizzare smartphone di ultima generazione.

Da sempre Vodafone realizza prodotti adatti ad essere usati da ogni categoria di utenti, compresi anziani e disabili, e non fanno eccezione le app per anziani e disabili progettate per gli smartphone di ultima generazione. Due in particolare sono quelle che hanno attirato la nostra attenzione, ovvero:

Vediamo brevemente di cosa si tratta.


Help Talk, l’app per chi comunica attraverso la scrittura

Grazie a Help Talk si vuole aiutare tutte le persone con difficoltà di comunicazione orale e che usano solo la scrittura per parlare con amici e familiari. In particolare questa app per anziani e disabili agevola la comunicazione verbale attraverso la riproduzione audio dei messaggi che sono indicati da icone con immagini e una volta attivati permettono all’utente di comunicare i suoi pensieri e le sue esigenze.

Nello sviluppo e progettazione dell’app Help Talk, però, Vodafone ha pensato anche a chi ha difficoltà ad esprimersi perché parla una lingua straniera ed a tutte le situazioni in cui la comunicazione per immagini, riprodotta da una voce audio, può permettere alle persone di comunicare con gli altri. Non solo.

Chi utilizza l’app per anziani e disabili Help Talk può personalizzare i comandi e creare uno o più profili a seconda delle funzionalità maggiormente utilizzate, rendendo adatto questo strumento anche a chi ha subito lesioni all’apparato fono articolatorio e ai suoi familiari. Infine, ultima ma non meno interessante funzionalità di questa applicazione per smartphone e tablet, è la possibilità di ritrovare l’utente grazie alla localizzazione del dispositivo.


BIG Launcher, per uno smartphone leggibile davvero da tutti

La seconda applicazione di cui vi parliamo è BIG Launcher, che rende visibili i tasti e lo schermo dello smartphone anche agli anziani o alle persone con problemi di vista, fino alla cecità. Si tratta, infatti, di una tecnologia intuitiva e semplice da usare per permettere anche ai non vedenti o a chi soffre di serie difficoltà agli occhi di usare smartphone e tablet, senza paura di fare errori. Non solo: alle funzionalità classiche delle app per non vedenti si aggiunge il pulsante di SOS.

Come funziona questa app? Grazie a BIG Launcher è possibile per l’utente ingrandire le icone e il testo della schermata del telefono per leggerlo meglio e sostituire l’interfaccia standard con una più semplice, composta solo da poche icone, scegliendo uno dei tanti temi presenti nel pacchetto.

Ricordiamo che sia Help Talk che BIG Laucher possono essere usare indipendentemente dall’operatore telefonico dell’utente, nonostante siano create da Vodafone, che da sempre considera la tecnologia come strumento di socializzazione tra le persone e in grado di migliorare la qualità della vita anche di anziani e disabili.


Non c’è due senza tre: l’app Mobile Angel

Da sempre attenta al tema del sociale, Vodafone ha presentato in Italia anche l’app Mobile Angel realizzata in collaborazione con la Polizia di Stato e rivolta alle donne vittima di stalking, con una funzionalità aggiuntiva che permette di valutare il grado di accessibilità dei luoghi pubblici.


L’ultima novità in casa Vodafone: il progetto OSO

L’ultima novità realizzata da Vodafone sul tema della disabilità è il progetto OSO, Ogni Sport Oltre, la comunità digitale pensata dalla Fondazione Vodafone per superare le barriere e avvicinare i disabili allo sport secondo un modello inclusivo di partecipazione all’attività fisica che renda lo sport un’opportunità per tutti. A chi la utilizza la piattaforma per smartphone OSO si presenta come una piazza virtuale in cui l’utente può condividere informazioni e passioni, ovvero approfondimenti, storie, news ma anche trovare l’elenco delle strutture accessibili, geolocalizzate e filtrate per grado di disabilità e tipo di sport.

Non manca la sezione per la ricerca di professionisti e tecnici che possano diventare trainer dell’utente e supportare la sua preparazione atletica, quella sui progetti delle associazioni e un mercatino in cui acquistare o scambiare attrezzature e ausili per la pratica sportiva della persona disabile.

Possiamo considerare, quindi, OSO la prima piattaforma digitale per chi vuole praticare sport e ha una forma di disabilità, ma soprattutto una community che mette in relazione atleti disabili, istruttori e famiglie oltre che semplici sportivi appassionati delle diverse discipline.


Conclusioni: l’impegno di Vodafone sul tema della disabilità

Possiamo, quindi, concludere dicendo che Vodafone è da sempre attenta ai temi sociali, quali l’invecchiamento della popolazione e la disabilità, è che l’obiettivo dei suoi progetti digitali e delle sue app è quello di migliorare la vita delle persone grazie alle nuove tecnologie.

In particolare, con il progetto OSO Ogni Sport Oltre, la nota compagnia telefonica vuole aumentare il numero di disabili che fanno sport, creando un sistema integrato che unisca sport e disabilità sia in rete (www.ognisportoltre.it), sia sui dispositivi mobili Android e iOS.


Update 07-09-2019
Il testo è stato integrato con gli aggiornamenti.


Facebook Twitter WhatsApp Email LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *