Home » Blog » Mobilità » Brasile, occupa il parcheggio per disabili, la vendetta virale sul web

Brasile, occupa il parcheggio per disabili, la vendetta virale sul web

| 0

vaga-para-deficiente-disabili

Parcheggiare abusivamente l’automobile nel parcheggio riservato alle persone con disabilità e ritrovarla la mattina dopo imbrattata di vernice spray, con un disegno che rappresenta il logo universale dell’uomo sulla carrozzina. Questa la “vendetta” andata in scena in Brasile e diventata virale sul web grazie al canale youtube Boom!, che ha messo in onda un filmato dal titolo “Vaga para deficiente” (in portoghese, “posto per disabili). Il filmato mostra un gruppo di ragazzi che, approfittando dell’oscurità, dipinge l’inconfondibile disegno sulle fiancate di tutte le auto lasciate abusivamente sugli stalli per i portatori di handicap. parcheggio-disabili-vaga-deficienteLa vicenda mostra punti di somiglianza con quella del “vendicatore di Lecce” , che qualche anno fa balzò agli onori delle cronache nostrane per aver ricoperto di vernice le auto in sosta abusiva nella città pugliese. Evidentemente in Brasile la tradizione di infischiarsene dei cartelli indicanti divieto di parcheggio è talmente radicata che ricorrere allo spray non è sufficiente, come testimonia il successo di visualizzazioni di un secondo filmato, “Vaga para deficiente 2”, che in pochissimo tempo ha sfondato il tetto dei 4 milioni di contatti. Stavolta gli autori del video hanno trovato un sistema meno drastico ma, se possibile, più clamoroso per punire il parcheggiatore “distratto”. Sotto gli occhi dei passanti incuriositi e divertiti (non si contano i telefonini e le videocamere che hanno immortalato l’accaduto) disabili-vaga-para-deficientehanno letteralmente ricoperto l’automobile di post it bianchi e blu, sistemati in grande quantità a rappresentare il logo del portatore di handicap. Il lavoro è andato avanti per ore, con l’approvazione di un agente di polizia presente sul posto. La parte più tragicomica del filmato è quella che mostra l’arrivo del proprietario della vettura, che passa dallo sbigottimento (comprensibile) alla rabbia. Cerca – senza riuscirci – di staccare i post it a suon di manate, il tutto mentre alle sue spalle la gente ride e scatta fotografie. Non bastasse, l’ingresso in scena del vigile sancisce per il malcapitato l’inevitabile arrivo di una multa per sosta abusiva. Alla fine l’involontario protagonista della vicenda si allontana zigzagando per la strada con la macchina ancora quasi del tutto ricoperta dai foglietti azzurri.

Una lezione memorabile, di quelle che non si scordano facilmente… siete d’accordo anche voi?

Guarda il video:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *