Home » Blog » Nuove tecnologie e disabilità » Addio alla carrozzina per i bimbi disabili dall’Irlanda arriva Upsee

Addio alla carrozzina per i bimbi disabili dall’Irlanda arriva Upsee

Arriva dall’Irlanda un’invenzione destinata a entrare di diritto nella storia degli ausili per disabili, con particolare riferimento ai più piccoli. È stata ribattezzata Upsee e consiste in una speciale imbracatura per il bimbo allacciata alla cintura del genitore.
Upsee-irlanda-carrozzina-disabili
Imbragatura completa il tutto un paio di sandali adattati in modo da consentire ai due di camminare insieme.

Upsee nasce dall’intuzione dell’israeliana Debby Elnatan, una mamma che non si è arresa all’idea di vedere il figlioletto, Rotem, costretto perennemente in carrozzina dalla disabilità. Dall'irlanda Upsee per la gioia dei bambini disabiliLa donna ha disegnato una cintura di sostegno per consentire a Rotem di mantenere la posizione eretta e di camminare, aiutato passo dopo passo, accanto alla madre.

Dopo aver consultato aziende di tutto il mondo che accettassero di costruire il suo dispositivo, la Elnatan si è accordata con la nordirlandese Leckey. Attiva da anni nella commercializzazione di ausili per disabili.

Upsee è stato preventivamente testato presso famiglie inglesi, statunitensi e canadesi prima di essere definitivamente lanciato sul mercato: 

Vedere questo dispositivo a disposizione delle famiglie di tutto il mondo è semplicemente fantastico“, ha commentato la Elnatan.

Quando Rotem aveva circa due anni, i medici mi spiegarono che il bambino non aveva idea di cosa fossero le sue gambe. Non ne aveva alcuna  coscienza“, >ha spiegato la Elnatan.

“Per un genitore è estremamente complicato convivere con una cosa del genere. Ma non mi sono arresa, ho iniziato giorno per giorno a camminare con lui, e dalla nostra non facile esperienza è nata l’idea di Upsee“.

Per portare a compimento la costruzione di Upsee i tecnici e gli ingegneri della Leckey hanno lavorato ai progetti per più di due anni. Uno sforzo immediatamente ripagato dal sorriso di Rotem e – è facile immaginarlo –  di tanti altri bimbi in tutto il mondo.

Guarda il video:

Facebook Twitter WhatsApp Email LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.