Home » Blog » News » Scuola » Milano, i compagni accusano una disabile: Niente gita per colpa tua”

Milano, i compagni accusano una disabile: Niente gita per colpa tua”

| 0

 steiner-scuola-milano-disabile

Tempo fa abbiamo raccontato il caso della studentessa di un liceo di Cittadella, in provincia di Padova, accusata dai compagni di essere la causa della mancata gita di fine anno a Parigi: “Sei disabile, e la tua presenza fa aumentare i costi” l’avevano apostrofata.

Oggi, non senza dispiacere, registriamo un caso del tutto analogo verificatosi in un istituto scolastico milanese, l’Itsos Albe Steiner, dove suo malgrado una allieva portatrice di handicap si è trovata al centro di una diatriba che ha coinvolto genitori e ragazzi. “E’ disabile, per colpa sua non possiamo frequentare le giornate di equitazione e pattinaggio”, pare si sia lagnato qualche studente. milano-steiner-scuola-disabile

Sulla mailing list della classe, una mamma ha rincarato la dose: “D’accordo, tua figlia può essere esonerata dall’ora di educazione fisica, ma perché tagliare tutti fuori dalle uscite coi pattini o a cavallo? Devono essere tutelate tutte le minoranze”. Indignata, la madre della studentessa disabile ha risposto per le rime: “A casa mia questa si chiama discriminazione. Sto leggendo un susseguirsi di frasi e accuse terribili, mi aspettavo solidarietà per mia figlia e invece la vedo additata da tutti come un problema”. 

I rappresentanti della scuola hanno provato a gettare acqua sul fuoco. L’insegnante di sostegno ha parlato dell’Albe Steiner come di una “scuola modello”, per quanto le attività in questione – equitazione e pattinaggio – siano state cancellate per “motivi disciplinari riguardanti tutta la classe”. L’allieva al centro della polemica è stata definita “studentessa modello”, con la rassicurazione che “nessuna discriminazione sarà mai tollerata”. 

Un’altra insegnante ha aggiunto: “Capisco lo sfogo, ma sono temi che andrebbero trattati sedendo attorno a un tavolo, non via mail”. In ogni caso, “se i ragazzi dicono o pensano così della compagna, sbagliano di grosso. Evidentemente non mi sono spiegata bene in classe, gli ripeterò l’antifona”. Staremo a vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *