Home » Blog » Cittadini e tutele » Rimborso IMU, possibile ma non certo

Rimborso IMU, possibile ma non certo

| 0

Rimborso IMU

Secondo l’Associazione Contribuenti italiani, l’IMU risulta essere un’imposta illegittima e quindi rimborsabile.

I suoi principi, sempre secondo l’associazione, violano sia criteri costituzionali che direttive comunitarie e che per questo i cittadini potranno usufruire del Modello IMU RT 2012 per la richiesta di rimborso IMU.

La sua compilazione non ha necessità di alcuna consulenza da parte di associazioni di categoria dato che il modello è conforme all’articolo 6 comma 3 dello Statuto dei Diritti del Contribuente, che lo rende comprensibile anche ai cittadini che non possiedono competenze in materia tributaria.

Compilato,il modulo, andrà inoltrato entro il 28 febbraio 2013 all’indirizzo di posta elettronica rimborsoimu@contribuenti.it allegando la ricevuta dell’IMU pagata nel 2012.

Di rilevante importanza sarà l’azione portata avanti da ogni singolo contribuente, proprio perchè si potrebbe dare inizio ad un meccanismo da cui tutti potrebbero trarre beneficio.

Trascorsi 90 giorni dalla presentazione della domanda di rimborso IMU, se il comune non avrà dato risposta o comunque dovesse dare responso negativo, sarà possibile fare ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale competente, mettendo in evidenza tutte le ragioni di incostituzionalità dell’IMU e chiedendo una revisione degli atti alla Corte Costituzionale.

Basterà che solo una delle Sezioni di Commissione Tributaria verifichi la questione dell’incostituzionalità proposta perché la Corte Costituzionale sia tenuta a pronunciarsi.

In caso di sentenza positiva, tutti i contribuenti interessati, potranno richiedere ed ottenere il rimborso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *