Home » Blog » Integrazione e lavoro » Un ristorante gestito da disabili? In Puglia la novità si chiama Xfood

Un ristorante gestito da disabili? In Puglia la novità si chiama Xfood

| 0

Xfood-ristorante-puglia-disabili

“Per noi è una scommessa. In un periodo di sofferenza per il welfare, il lavoro può giocare il ruolo di strumento di inclusione sociale”. Parola di Roberto Covolo, tra i promotori dell’iniziativa Xfood, che porterà entro la fine di febbraio all’apertura, in Puglia, in provincia di Brindisi, di un ristorante “a chilometri zero” gestito da persone colpite da disabilità. “Nel primo anno d’attività saranno in 32 a lavorare in cucina, in sala o nell’orto” ha spiegato ancora Covolo.

Xfood si propone come un progetto integrato impostato sulle direttive dell’innovazione e dell’inclusione. Prevede fasi di orientamento, formazione e job coaching mirato all’inserimento nel mondo del lavoro. isabili-Xfood-ristorante-puglia

L’apertura del ristorante “speciale” rappresenta una prima tappa di attuazione del programma, che si distingue per ulteriori particolarità (tra cui le sedie una diversa dall’altra, gli arredi realizzati in collaborazione con gli stessi ragazzi disabili coinvolti nell’iniziativa, piatti e tavoli di varie forme e colori, ecc).

Il ristorante è stato realizzato nei locali di un vecchio stabilimento enologico di San Vito dei Normanni e sarà gestito da personale la cui formazione va dalla coltivazione degli ortaggi alla gestione dei fornelli fino all’allestimento di tavoli e sale. Sono inoltre previsti progetti personalizzati, concordati con la figura che accompagna di regola la persona disabile nel suo percorso di vita (medici, famigliari, enti sociali), nonché percorsi formativi di gruppo per incentivare l’autonomia e rafforzare le attitudini relazionali.

Un progetto, quello pugliese, che si ispira ad altri analoghi già realizzati in altre parti d’Italia negli anni scorsi. Un modo, uno dei tanti, per dire che siamo tutti uguali. Anche sul lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *