Home » Blog » Persone e disabilità » La storia di “Mario, disabile superabile” nel libro di Germano Turin.

La storia di “Mario, disabile superabile” nel libro di Germano Turin.

| 0

mario-superabile-libro-disabile

Disabilità e libri: un binomio che su queste pagine abbiamo presentato più volte, sotto diversi punti di vista. Abbiamo raccontato del premio Terzani vinto dal poeta e romanziere Pierluigi Cappello col suo “Questa libertà”ci siamo commossi con le storie di madri alle prese con l’handicap dei propri figli nei racconti di Antonia Chiara Scardicchio  e Valeria Parrella. Una nuova storia, suggestiva ed emozionante, è quella scaturita stavolta dalla penna di Germano Turin, dal titolo “Mario disabile superabile” ed edita di recente dalla casa editrice Sottosopra. mario-libro-disabile-superabileLa vicenda di Mario – raccontata dall’autore in chiave autobiografica in terza persona – si svolge negli anni della Seconda Guerra Mondiale. Il protagonista, disabile a causa della poliomielite, cresce tra la povertà e la miseria della campagna padovana, incontrando ostacoli di natura non solo fisica (una semplice visita medica di controllo si traduce in una vera e propria odissea per il ragazzo, e le sue scarpe – non certo ortopediche – sono una sofferenza in quanto sempre troppo strette o troppo larghe) ma anche psicologica. Intelligente e volitivo, Mario eccelle negli studi, e questo gli attira le invidie dei coetanei, che a più riprese lo sottopongono ad angherie e scherzi pesanti. Ma il ragazzo vuole farcela, vuole affermarsi con le sue forze. Impara da solo ad andare in bicicletta a dispetto delle gambe malandate, così da poter raggiungere con maggiore agio la scuola. Una volta conclusi gli studi, affacciatosi sul mondo del lavoro assaggia l’amaro sapore della discriminazione, della diffidenza e dell’ignoranza. Il “diverso” fa paura, il portatore di handicap è guardato sempre con sospetto. Ma il riscatto arriva: Mario si afferma, si fa una posizione, e grazie a questa riesce ad aiutare tutta la sua famiglia…quella famiglia che non avrebbe scommesso un soldo su quel figlio dalle gambe malandate.

Una storia a lieto fine, un messaggio di speranza e di incoraggiamento per tutti i “Mario”. E per ciascuno di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *