Home » Blog » Tecnologie per la disabilità » Liberi di muoversi: l’app che segnala le barriere architettoniche

Liberi di muoversi: l’app che segnala le barriere architettoniche

Liberi di muoversi: la app contro le barriere architettoniche

“Liberi di muoversi” è un progetto innovativo nel campo dei servizi ai disabili e dell’abbattimento delle barriere architettoniche, che si basa su un’app per la disabilità capace di segnalare se il luogo pubblico è accessibile o meno alla persona disabile.

Si evita, in questo modo, che il disabile parta senza sapere se il locale sia accessibile o meno a causa di gradini, scale, dislivelli privi di rampe o altre barriere architettoniche. L’app “Liberi di muoversi” è disponibile per iOS e Android, ma anche sul Web. Vediamo come funziona e quali servizi offre ai disabili.


Disabili: addio alle barriere architettoniche con un’app

Per la maggior parte delle persone entrare in un ufficio, un museo o un ristorante sono azioni comuni e banali, che svolgono ogni giorno senza fermarsi a pensare che quei pochi gradini o quella porta troppo stretta possono diventare un ostacolo insormontabile per chi, invece, si muove in carrozzina o soffre di una ridotta capacità motoria. Le barriere architettoniche, però, non riguardano solo i disabili, ma anche gli anziani o le mamme con il passeggino.

Si tratta, anche dal punto di vista demografico, di una situazione che non può più essere trascurata anche per il fatto che il 20% della popolazione italiana è composta da ultra sessantacinquenni, a cui si aggiungono le persone con disabilità motoria per un totale di circa 2 milioni e mezzo di persone.

Proprio per questo è importante sapere prima di partire se un museo, un ristorante o un negozio, ma anche solo una farmacia sono accessibili. Come fare? Sicuramente non ci si può basare solo sull’esperienza diretta o sul passaparola degli amici e per questo sono nate app come “Liberi di muoversi” basate sulla tecnologia, sui social e sulla fruibilità collettiva dell’informazione.


App e disabilità: come funziona “Liberi di muoversi”

L’applicazione che segnala al disabile le barriere architettoniche si basa su un concetto tanto semplice quanto diffuso: la condivisione delle informazioni sul web da parte dei viaggiatori che possono segnalare, tramite geolocalizzazione, tutti i luoghi con la presenza di barriere architettoniche. In particolare si può indicare la presenza di marciapiedi dissestati, ingressi difficoltosi a chiese e monumenti, difficoltà di accesso ai bagni dei locali e molto altro ancora.

Anche il meccanismo di funzionamento è davvero semplice: è sufficiente registrarsi per poi andare sulla mappa, posizionarsi sul punto esatto e inserire la recensione e il livello di accessibilità, corredando il tutto da un commento e un’eventuale foto delle barriere architettoniche.

Tra le valutazioni previste dall’app per disabili abbiamo: accessibile, parzialmente accessibile e non accessibile con icone (la carrozzina verde, arancio o rossa) che mostrano subito la facilità per il disabile di accedere al locale o al punto di interesse turistico. Tutte queste informazioni sono, inoltre, ben catalogate e facilmente consultabili via web sia via app in tempo reale e in modo completamente gratuito.

L’aspetto più interessante è che non serve essere degli “smanettoni” per scoprire se il supermercato, la chiesa o l’ufficio sono accessibili ai disabili o presentano barriere architettoniche, evitando così viaggi inutili. Possiamo quindi dire che l’app per disabili “Liberi di muoversi” è un progetto davvero geniale nella sua semplicità e che fa della condivisione il suo punto di forza, dando ad ogni cittadino la possibilità di collaborare in maniera attiva con informazioni sulla sua città.


“Liberi di muoversi”: la funzione sociale del progetto

Uno degli aspetti fondamentali del progetto, oltre all’importanza della segnalazione delle barriere architettoniche alla persona disabile, è la sua funzione sociale. La speranza degli ideatori di “Liberi di muoversi” è, infatti, quella di sensibilizzare i cittadini e i gestori dei luoghi pubblici e privati sul tema delle barriere architettoniche, che impediscono la fruizione pubblica di determinati luoghi.

L’obiettivo è trasformare tutte le “disonorevoli” carrozzine rosse in carrozzine verdi, abbattendo le diverse tipologie di barriera architettonica e permettendo a tutti di fruire di un locale, un ufficio, un monumento, un bagno o altri luoghi pubblici.

“Liberi di muoversi” è solo una delle tante app per disabili che si possono scaricare, gratuitamente o a pagamento, sul proprio smartphone e di cui puoi trovare un elenco aggiornato qui.


Update 03-09-2019
Dalla sua prima presentazione la app è stata affinata e migliorata, il testo dell’articolo è stato modificato e integrato.


Facebook Twitter WhatsApp Email LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *