Home » Blog » Agevolazioni e Contributi » Legge di stabilità 2014: prorogate le detrazioni fiscali

Legge di stabilità 2014: prorogate le detrazioni fiscali

| 1

proroga detrazioni fiscaliPer gli anziani e le persone disabili arrivano buone notizie dalla Legge di stabilità 2014. Con un intervento dell’ultimo momento, il Governo ha infatti dato il via libera alla proroga di un anno dei bonus per le ristrutturazioni e le riqualificazioni nell’edilizia. Il provvedimento, dunque, ricomprende anche le detrazioni per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Respira dunque il settore edilizio, tra i più penalizzati dalla crisi. Fino al 31 dicembre 2014 resta in vigore la detrazione del 65% per l’ecobonus sul risparmio energetico e del 50% per le ordinarie ristrutturazioni (con possibilità di accedere anche al bonus su mobili ed elettrodomestici). Per il futuro, dal 2015 si registrerà una riduzione progressiva delle aliquote. Il bonus sul risparmio energetico, infatti, scenderà al 50%; quello sulle ristrutturazioni semplici, al 40%. Nel 2016, tutto tornerà – come già previsto dal legislatore – al 36%.

Complessivamente, per il triennio 2014-2016 sono previsti interventi per interventi per 27,3 miliardi.
In particolare:

  • 14,6 miliardi per sgravi fiscali (5 per i lavoratori, 5,6 per le imprese oltre a 1 miliardo per ristrutturazioni edilizie e eco bonus);
  • 11,2 miliardi nel triennio per azioni sociali, progetti di investimento, impegni internazionali, di cui 6,2 in conto capitale; per il 2014 si prevedono 6,4 miliardi;
  • 1,5 miliardi per investimenti a livello locale e la restituzione di debiti commerciali di parte capitale.

L’intervento normativo conferma dunque le già prevista detrazione del 50% per l’abbattimento delle barriere architettoniche presenti negli edifici privati e nelle abitazioni con l’installazione di montascale curvilinei e rettilinei nonché di ulteriori strumenti che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo tecnologico, siano adatti a favorire la mobilità interna ed esterna delle persone portatrici di handicap grave, ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge n. 104 del 1992. Restano altresì confermati gli sgravi fiscali già previsti per questi prodotti.

Come era stato anticipato dal ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, i risultati finora raggiunti attraverso il meccanismo degli incentivi sono stati così incoraggianti da portare alla decisione della proroga di un anno. Una boccata d’aria fresca, dunque, per il martoriato settore dell’edilizia.

  1. Guest
    |

    Grazie alle agevolazioni fiscali molti anziani e disabili hanno potuto garantirsi una maggiore autonomia e indipendenza, così da muoversi liberamente in casa propria, senza dover chiedere necessariamente assistenza. Speriamo che ci sia sempre spazio per questo tipo di incentivi economici e che possano essere prorogati ulteriormente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *