Home » Blog » Agevolazioni e Contributi » Esenzione bollo auto per i disabili

Esenzione bollo auto per i disabili

| 1

Esenzione bollo auto per i disabiliIl sistema fiscale italiano, prevede diverse agevolazioni per i soggetti disabili, tra le quali l’esenzione del bollo auto intestato al disabile stesso o ad un familiare che risulti però fiscalmente a suo carico.

Ha l’incarico di istruire le nuove pratiche di esenzione l’Ufficio tributi dell’Ente Regione, dove il disabile potrà rivolgersi e nel caso in cui tale ufficio non fosse presente, potrà far riferimento all’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate.

Se il disabile è possessore di più veicoli, potrà applicare l’esenzione solo ad uno di essi, comunicando all’ufficio competente, la targa di riferimento al momento della presentazione della documentazione.

Questo tipo di esenzione, è permanente, ed il disabile che ne ha diritto deve, per il primo anno, inviare una raccomandata A/R all’ufficio competente, contenente tutta la documentazione medica che dimostri la sua disabilità.

Entro 90 giorni dalla scadenza del bollo, andrà presentata la documentazione all’ufficio competente che inserirà tutti i dati nell’anagrafica tributaria, comunicando agli interessati l’avvenuto inserimento del veicolo tra quelli ammessi all’esenzione.

L’esenzione è permanente, quindi non si dovrà ogni anno ripresentare la documentazione a meno che, non vengano meno i requisiti per il diritto all’agevolazione.

Coloro che otterranno l’esenzione sono soggetti portatori di handicap, e non dovranno esporre alcun tesserino sul parabrezza dell’auto.

  1. bartolomeo
    |

    Sta cosa del disabile fiscalmente a carico non l’ho mai capita, mia mamma è disabile grave, io sono il figlio, e non sono certo a suo carico, per quale motivo non posso avere la stessa agevolazione proprio non lo capisco. Vale solo per i figli disabili di genitori a cui sono a carico. 
    Solita inefficienza italiana o solito risparmio?
    Paiono gli sconti delle ferrovie, fanno lo sconto solo ai disabili grandi invalidi di guerra, come se ce ne fosse vivo ancora qualcuno che ha voglia e le forze per prendere un treno?! 
    saluti cordiali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *