Home » Blog » News » Scuola » Tutti in visita a Palazzo Ducale, alunno disabile deve stare fuori

Tutti in visita a Palazzo Ducale, alunno disabile deve stare fuori

| 0

ducale-disabile-venezia-gita

Città d’arte e disabilità, un rapporto per nulla facile in Italia. Ricordate le sparate del candidato sindaco di Urbino, Vittorio Sgarbi, contro l’installazione di servoscala e ascensori? Chissà se al celebre critico d’arte e polemista fischieranno un po’ le orecchie nell’apprendere della vicenda di un liceale di Battipaglia, che si è visto costretto a restare fuori da Palazzo Ducale, a Venezia, a causa delle troppe barriere architettoniche presenti.

ducale-gita-venezia-disabile

Il ragazzo, disabile costretto in carrozzina, si trovava in gita scolastica con la classe. Oltre a insegnanti e compagni era presente anche la madre in veste di accompagnatrice.

Come riportato da La Nuova di Venezia e Mestre, la Serenissima si è rivelata ben poco… serena per il quindicenne, subito in difficoltà a percorrere  ponti e calli per la totale assenza di rampe e di altre strutture e ausili indispensabili per la mobilità dei portatori di handicap.

Il momento più imbarazzante si è rivelata la visita a Palazzo Ducale: nonostante il prodigarsi dei compagni (che hanno provato invano a sollevare a forza di braccia la carrozzina) e l’impegno della guida turistica, per il giovane non è stato possibile entrare: troppe scale, troppi ostacoli, troppe barriere. “Un’esperienza davvero negativa. Sono molto dispiaciuta per mio figlio” ha commentato la mamma del ragazzo al rientro dal viaggio d’istruzione. “Dei tanti ponti attraversati durante la permanenza a Venezia, solo uno era dotato di rampe per disabili. In tutti gli altri casi, con enorme fatica i compagni di mio figlio hanno sollevato di peso la sua carrozzina per consentirgli di proseguire. Anche arrivare ed entrare al ristorante si è rivelato un percorso ad ostacoli”.

L’accessibilità, un traguardo ancora troppo lontano in tante città del Belpaese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *