Home » Blog » Cittadini e tutele » Disabili in ospedale con la nuova Carta dei Diritti

Disabili in ospedale con la nuova Carta dei Diritti

Disabili in ospedale con la nuova Carta dei DirittiVerrà presentata, per la prima volta in Italia, al Centro Congressi Europa dell’Università Cattolica di Roma, la prima Carta dei Diritti delle Persone con Disabilità in Ospedale.

Il progetto è stato realizzato dalla cooperativa sociale “Spes Contra Spem” ed adottata dal Policlinico universitario Gemelli ed è patrocinato dal Ministero della salute e dal Consiglio Regionale del Lazio.

Questo progetto nasce soprattutto dall’esigenza di eliminare i disagi che le persone disabili incontrano durante i loro eventuali ricoveri ospedalieri. Affermando i loro diritti.

Diritti delle persone con disabilità che sono previsti per tutti i pazienti. Ma che nel caso di persone con disabilità, si ha la necessità di accorgimenti e strumenti particolari.

Verranno discusse le migliori esperienze nazionali nel settore dell’assistenza ai pazienti disabili e le problematiche sul tema, con varie testimonianze di persone con disabilità.

Contemporaneamente, saranno esposte le attività adottate dal Policlinico Gemelli per la soddisfazione delle istanze presenti nella “Carta dei Diritti delle Persone con Disabilità in Ospedale” oggetto di valutazione, da parte delle associazione dei pazienti ed enti specializzati del settore.

Saranno inoltre descritti i percorsi clinici per le persone con disabilità già operativi all’interno del Gemelli illustrati da Eugenio Mercuri, direttore U.O.C. Neuropsichiatria Infantile. Giuseppe Zuccalà, direttore U.O.C Medicina d’Urgenza. Roberto Deli, direttore U.O.C. Odontoiatria operativa e Pedodonzia. Fernando Molle e Domenico Lepore, professori aggregati dell’Istituto di Clinica oculistica. Giuseppe Zampino, ricercatore dell’Istituto di Clinica pediatrica.

A questo indirizzo puoi vedere la presentazione e scaricare il PDF della carta dei diritti delle persone con disabilità in ospedale.

Facebook Twitter WhatsApp Email LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *