Home » Blog » Tecnologie per la disabilità » Non vedenti e Iphone, arriva l’app Brailletouch

Non vedenti e Iphone, arriva l’app Brailletouch

| 0

Non vedenti e Iphone, arriva l'app BrailletouchBrailltouch è lo strumento ideato dalla School for innovative computing della George Tech, rivolto alle persone non vedenti, che grazie all’utilizzo di sei dita, potranno creare tutte le combinazioni di punti che costituiscono l’alfabeto Braille per scrivere su Facebook, Twitter o semplicemente inviare una email.

L’App per Iphone, permetterà di scrivere una media di 23/32 parole al minuto, contro la media delle 10/15 scritte con la tastiera virtuale nativa del dispositivo.

Il punto di forza di questa applicazione è l’utilizzo di sei dita per la creazione di tutte le combinazioni di punti del linguaggio Braille, che agevolerà notevolmente la scrittura senza doversi perdere cercando sulla tastiera la lettera giusta, per poi inserirla sollevando il dito o digitando due volte lo schermo, metodologia attualmente esistente ed utilizzata dai non vedenti tramite programmi con icone vocalizzate che ne identificano la lettera selezionata.

Altro obiettivo di Brailletouch è quello di permettere ad una persona vedente, di imparare il Braille, dato che sullo schermo apparirà tutto quello che si scrive attraverso le combinazione dei vari punti.

In questo modo si potrà scrivere un testo senza guardare lo schermo per esempio durante una riunione o quando si cammina per strada.

L’idea è dunque anche quella di realizzare un sistema che velocizzi la scrittura sui dispositivi dotati di touch screen.

La versione di prova di Brailletouch è gratuita, mentre costa 13,99 € la versione completa, con la possibilità di inviare sms, email, messaggi su twitter o altro;

per ora il suo sviluppo è stato pensato per l’Iphone, ma i realizzatori sono già a lavoro anche per la piattaforma Android.

Diverse sono le applicazioni già esistenti per dispositivi touch screen, che presentano però alcuni problemi di velocizzazione della scrittura come lo screenreader Voiceover.

Fleksy, altra applicazione, permette, attraverso un sistema simile al T9, di toccare lo schermo dove si pensa si possa trovare la lettera, unico svantaggio però è quello di dover impostare una lingua, dato che l’app si appoggia su un dizionario che restituisce dei suggerimenti sulle parole che si vogliono comporre.

Brailletouch, permette invece di scrivere nella lingua che si vuole, almeno considerando le lingue che utilizzano i caratteri latini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *