IL MONTASCALE E LA SFIDA
ALLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dall'antichità ai nostri giorni,
il montascale non ha mai smesso il ruolo
di strumento fondamentale nella corsa
ai traguardi dell'accessibilità
e del superamento delle barriere architettoniche

Dagli antichi Romani ai primi brevetti industriali: il montascale nella storia

Con la costruzione del "trono-montascale", espressamente ordinata dal re d'Inghilterra Enrico VIII nel 1540, fece la sua comparsa il primo esempio di montascale della storia. Ma se quello voluto dal sovrano inglese può essere considerato il "papà" dei moderni dispositivi per il sollevamento e il trasporto delle persone disabili o con ridotta mobilità, già nell'antichità Greci e Romani utilizzavano congegni ispirati allo stesso principio di funzionamento.
Col passare del tempo il montascale registrò un successo sempre maggiore, con modalità di impiego talvolta insolite e sorprendenti (il re francese Luigi XV, ad esempio, ne faceva uso per entrare di soppiatto dalle finestre delle sue amanti nella reggia di Versailles...). Inizialmente funzionanti esclusivamente a forza di braccia, con l'avvento dell'energia elettrica cominciarono ad entrare in commercio i montascale prodotti su scala industriale: la sfida alle barriere architettoniche era definitivamente lanciata.

In principio fu "Inclin-ator": il montascale conquista Europa e Stati Uniti

Agli inizi del XIX il montascale conquistò il mercato statunitense ed europeo. Contestualmente alla crescente presa di coscienza nella società dei problemi legati alla disabilità e alla presenza delle barriere architettoniche, le grandi case produttrici introdussero modelli sempre più evoluti e funzionali. Tra questi è passato alla storia l'"Inclin-ator", progettato da C.C. Crispen, originario della Pennsylvania, per aiutare i suoi amici colpiti da poliomielite a salire e scendere le scale di casa. Stannah, Jan Hamer & Co e altre grandi aziende portarono ulteriormente avanti lo sviluppo delle tecnologie e dei materiali: una ricerca che, da allora, è in continua evoluzione. Accanto ai montascale, inoltre, le città e le case accolsero nuovi dispositivi per il sollevamento di oggetti e persone: ascensori idraulici, elevatori elettrici, montavivande manuali e altri congegni assunsero progressivamente la dimensione di oggetti d'uso comune. Il traguardo dell'integrazione non era più un miraggio per pochi.

La casa "a misura di disabile"? Col montascale non è più una missione impossibile

Nell'ordinamento giuridico italiano il concetto di "barriera architettonica" trova sua definizione nel testo del D.M. 236/89. Essa include tutto ciò che impedisce ai cittadini, colpiti o no da disabilità, di muoversi in sicurezza all'interno degli edifici e delle costruzioni.
In questa prospettiva, il montascale gioca sempre più un ruolo chiave nel consentire ad anziani e portatori di handicap di migliorare la qualità della vita quotidiana, ovviando con semplicità e sicurezza (sono oggigiorno indispensabili le relative certificazioni internazionali ed europee) al problema del superamento delle scale, ossia la barriera architettonica per eccellenza. Punto di forza dei montascale moderni è anche l'elevato standard di personalizzazione: i produttori sono infatti ormai in grado di ideare e realizzare dispositivi adatti ad ogni tipo di scala, installabili indifferentemente in esterni e interni in armonia con le caratteristiche, le dimensioni e l'arredamento dell'ambiente destinato ad ospitarli.

E in Italia? L'installazione del montascale nel quadro normativo vigente

Per quanto negli ultimi vent'anni in Italia siano stati compiuti passi da gigante nell'approfondire le tematiche legate al mondo della disabilità, c'è ancora tanto da fare. Gli edifici pubblici e privati, le strade, i mezzi di trasporto, gli aeroporti... tutti i principali centri di svolgimento della vita privata e di relazione troppo spesso prendono la forma di veri e propri percorsi a ostacoli per chi deve convivere coi problemi legati alla ridotta mobilità.
Per incentivare l'installazione dei montascale il legislatore ha approntato discipline privilegiate, quale quella fissata dalla legge 13/89 (che indica le categorie di soggetti aventi diritto ai contributi per l'installazione del dispositivo e le relative modalità). E ancora, libri, blog, social network: anche i mezzi di comunicazione svolgono al giorno d'oggi una funzione fondamentale di informazione e sensibilizzazione nella prospettiva dei traguardi dell'accessibilità e dell'abbattimento delle barriere architettoniche.

(*) campi richiesti per il corretto invio del messaggio
  1. Nome Cognome o Ragione Sociale(*)
    Il campo nome è obligatorio
  2. Telefono(*)
    Invalid Input