News
Visita il nostro sito - Contactsrl.it
Menu

Roma, dal Tar nuova bacchettata al Comune:
“Via le barriere architettoniche”

oma-comune-tar-condanna

Nel marzo del 2012 il Comune di Roma era stato ritenuto responsabile in sede civile per discriminazione ai danni di Gustavo Fraticelli – disabile costretto in carrozzina e co-presidente dell’associazione Luca Coscioni – per avergli impedito l’accesso alle fermate dell’autobus del centro storico a causa della presenza di barriere architettoniche. roma-condanna-comune-tarLa sentenza, definita “sacrosanta” dall’allora sindaco Gianni Alemanno, è stata portata ad esecuzione soltanto dopo un anno e solo parzialmente, visto che l’amministrazione capitolina pur avendo eliminato le barriere architettoniche in questione non ha ancora provveduto al risarcimento del danno non patrimoniale cagionato a Fraticelli. Per queste ragioni, a seguito del ricorso presentato dai legali dell’associazione Coscioni, il Tar ha dato 30 giorni di tempo a Roma Capitale per portare a completa esecuzione la sentenza civile. In caso contrario, sarà nominato un commissario ad acta. Questo il commento di Fraticelli: “Sono soddisfatto della decisione del Tar, ma anche  rammaricato per il ritardo dell’esecuzione della sentenza. Il Comune  non solo è irregolare nel non consentire la libera circolazione dei cittadini, ma lo è ancor di più quando non si impegna a rispettare le decisioni dei tribunali. Tutti devono avere la possibilità di condurre un’esistenza indipendente”. Filomena Gallo, avvocato e consigliere dell’associazione Coscioni, ha dichiarato: “A seguito del ricorso, Roma Capitale si è impegnata a far installare entro ottobre 2014 un’ascensore che renda il terminal 12 della stazione Roma-Ostiense finalmente accessibile alle persone disabili“. Una piccola, grande vittoria a suon di carte bollate.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Archivio articoli

Home | News | Cittadini e tutele | Roma, dal Tar nuova bacchettata al Comune:
“Via le barriere architettoniche”